Da Tokyo 2020 a Pechino 2022 (passando per Modena). A “Skipass” il passaggio di consegne fra gli olimpionici delle Fiamme Gialle

31 Ottobre 2021

Si è tenuto oggi a ModenaFiere, nell’ambito di “Skipass”, il salone del turismo e degli sport invernali, un incontro fra gli atleti delle Fiamme Gialle medagliati alle recenti Olimpiadi estive di Tokyo e i loro colleghi degli sport invernali che si accingono ad iniziare la loro stagione agonistica che culminerà, nel prossimo mese di febbraio, con i Giochi Olimpici e Paralimpici di Pechino 2022.

L’evento, ospitato presso lo stand del Trentino, territorio con il quale le Fiamme Gialle sono da sempre fortemente legate, ha rappresentato un simbolico passaggio di consegne fra campioni dello stesso Sodalizio, accumunati dal desiderio di rappresentare al meglio loro stessi e l’Italia nella più importante manifestazione sportiva al mondo: l’Olimpiade.

Presenti i protagonisti di Tokyo 2020 Fausto Desalu, Antonella Palmisano, Ruggero Tita, Daniele Garozzo, Luigi Samele, Enrico Berrè, Martina Caironi e Ambra Sabatini, che hanno dato il loro “in bocca al lupo” ai colleghi Sofia Goggia, Luca De Alpirandini, Manfred Moelgg, Stefano Gross, Giovanni Franzoni, Alex Vinatzer, Riccardo Tonetti, Alessandro Pittin, Lara Malsiner, Elia Barp e Giacomo Bertagnolli con due veri e propri passaggi di testimone, avvenuti fra l’argento paralimpico dei 100 metri di Tokyo 2020, Martina Caironi, e il due volte campione di sci alpino paralimpico a PyeongChang 2018, Giacomo Bertagnolli, e fra il campione olimpico della 4×100 di atletica leggera a Tokyo, Fausto Desalu, e lo slalomista Manfred Moelgg, l’autentico veterano dello sci targato Fiamme Gialle giunto quest’anno alla sua 19^ stagione nel Circo Bianco.

Il tutto sotto gli occhi dei tanti visitatori presenti in Fiera, che hanno assistito ad un altro momento fortemente simbolico: Antonella Palmisano e Ambra Sabatini hanno donato a nome di tutte le Fiamme Gialle un piccolo Tricolore rispettivamente a Sofia Goggia e a Giacomo Bertagnolli, prossimi Portabandiera Olimpici e Paralimpici dell’Italia a Pechino 2022, per la prima volta appartenenti allo stesso club. Un segno tangibile che ricorda l’attaccamento al nostro Paese di questi campioni, patrimonio sportivo non solo delle Fiamme Gialle ma dell’Italia intera.

Intervenuto all’evento al fianco dei suoi atleti, il Comandante del Gruppo Polisportivo “Fiamme Gialle”, Gen.B. Vincenzo Parrinello, ha dichiarato: ”Per la prima volta dopo tanti anni le due Olimpiadi, estiva ed invernale, sono separate solo da pochi mesi, e questo è un motivo in più per sperare che lo straordinario vento in poppa che ha spinto gli atleti azzurri a Tokyo non cessi di soffiare fino a Pechino. Per la Guardia di Finanza avere tra le proprie fila atleti come questi è motivo di grande orgoglio, non solo per i risultati sportivi, e la doppia investitura al ruolo di Portabandiera di Sofia e Giacomo ne è testimonianza concreta. Spesso è proprio il loro comportamento, la loro resilienza, la loro umiltà, ad ispirarci nella vita di tutti i giorni. Il Generale Parrinello ha altresì espresso un messaggio di profonda gratitudine nei confronti di tutti i suoi atleti “per avermi insegnato, con il loro esempio, ad inseguire obbiettivi e sogni con determinazione ed onestà, mettendo, ancor prima del risultato agonistico, la trasparenza ed il rispetto delle regole”.

All’incontro di oggi hanno preso parte numerose Autorità, fra le quali l’Amministratore Delegato di Trentino Marketing, Maurizio Rossini, il Presidente del CONI trentino, Paola Mora, Simona Cassarà, Membro del Consiglio di Amministrazione di Sport e Salute. Presente anche il Presidente della Federazione Italiana Sport Invernali, Flavio Roda, il quale si è complimentato con i campioni di Tokyo 2020 per gli straordinari risultati e si è detto sicuro che il loro esempio sarà di forte stimolo per i loro colleghi degli sport invernali, che stanno lavorando con grande impegno e che si accingono ad affrontare una stagione molto impegnativa che culminerà con i Giochi di Pechino.