Il Cio ha votato: lo sci alpinismo sarà olimpico a Milano-Cortina 2026. Roda: “Una grande notizia per l’Italia, per la FISI e per la nostra nazionale”

20 Luglio 2021

Con il voto all’unanimità del Congresso del Cio, riunito oggi a Tokyo, viene ufficialmente inserito lo sci alpinismo tra gli sport olimpici per l’edizione di Milano-Cortina 2026 dei Giochi.

Accolta pienamente la proposta dell’Esecutivo, che prevede cinque nuovi eventi da medaglia: sprint e individuale maschile, sprint e individuale femminile e la staffetta mista. Potranno partecipare 48 atleti in totale, 24 uomini e 24 donne, e il contingente dovrà rientrare fra i 2900 atleti totali previsti per i Giochi.

“E’ una grande notizia per l’Italia, per la Federazione e per la nostra nazionale di sci alpinismo – ha detto il Presidente della FISI, Flavio Roda – che è una delle più forti al mondo. Abbiamo campioni come Robert Antonioli, che ha già vinto quattro Coppe del mondo in carriera, come Michele Boscacci, come Davide Magnini e molti altri. Ora nella loro carriera c’è un obiettivo in più, e di grande prestigio internazionale. La Federazione farà tutto il possibile per mettere la squadra nella condizione di crescere ancora e ben figurare ai Giochi del 2026. Sono certo che anche gli atleti e i tecnici faranno del loro meglio”.

Tra le direttive imposte dal Cio figura anche quella che lo sci alpinismo non potrà avere un sito olimpico a sé stante, ma dovrà essere disputato in uno dei siti olimpici già identificati.

Le motivazioni che hanno portato all’ok del Cio sono: il successo dello sci alpinismo ai Giochi Olimpici della Gioventù di Losanna 2020, la grande popolarità dello sport in Italia e la grande crescita di appassionati in Europa.