News

 
E' una Michela Moioli visibilmente emozionata quella che festeggia la terza Coppa del mondo della carriera con una gara d'anticipo. Il secondo posto di Sierra Nevada la mette al sicuro da sorprese in vista della tappa di chiusura in programma a Veysonnaz domenica prossima, ma il suo pensiero va alla difficile situazione sanitaria che sta attraversando la nostra nazione. "Sono venuta sin qui per gareggiare per l'Italia e ho rischiato di non partecipare a queste gare - spiega al traguardo -. Mi emoziono fortemente perchè vorrei dire a tutti gli italiani e a tutti i miei amici di tenere duro, la situazione è difficile ma ne verremo fuori. Sono contento di avere raggiunto questo risultato, lo dedico a tutti gli italiani, ai bergamaschi e ai miei concittadini di Alzano Lombardo".

Poi una veloce analisi della sua prestazione odierna. "E' stata una run di quarto di finale molto strana, con tre italiane su quattro. Ad un certo punto sono cadute tutte dietro di me e viaggiavo tranquilla verso il traguardo, quando sono caduta pure io in una curva a sinistra. Ho rischiato pure di uscire dalla pista, fortunatamente il mio vantagio era davvero enorme e mi è bastato arrivare al traguardo, diciasmo che è stato un po' imbarazzante....Nelle successive run le cose sono andate decisamente meglio, fino alla big final dove ho provato con uno scatto di reni a sopravanzare Trespeuch. Sono felice, è stata una stagione difficile sin dall'inizio dal punto di vista sportivo, ancor più complicata nelle ultime settimane, ma sono rimasta sempre competitiva ai massimi livelli".
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Cookie policy - Privacy policy
Federazione Italiana Sport Invernali

via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront