News

 
L'impressione di una giornata trionfale si era avuta al mattino, quando l'Italia aveva piazzato sei atleti agli ottavi di finale. Che potesse concludersi con una magnifica doppietta, però, non era facilmente pronosticabile. Nel gigante parallelo della Coppa del mondo di snowboard, Rogla si colora d'azzurro: Edwin Coratti trionfa in finale battendo il suo compagno di squadra più giovane Daniele Bagozza che a 23 anni conquista il suo primo podio in carriera. Per lo snowboard italiano un risultato straordinario, anche perché il numero di podi complessivi, compreso il cross, sale a otto, con otto atleti diversi (gli altri sono Fischnaller, Ochner, March, Moioli, Visintin e Perathoner).

Coratti, 27enne delle Fiamme Oro, aveva già vinto a Winterberg nel 2016, anche all'epoca in una finale tutta azzurra (ma nello slalom) contro Roland Fischnaller. L'anno scorso è salito ben cinque volte sul podio in una stagione per lui straordinaria, qui lo fa per la prima volta direttamente sul gradino più alto. Aveva superato le qualificazioni con il quarto tempo, poi ha vinto il derby con Maurizio Bormolini agli ottavi precedendolo di 61 centesimi, ha piegato per appena dieci centesimi lo svizzero Dufour ai quarti e il capolavoro l'ha compiuto in semifinale superando un campione come Nevin Galmarini, oro olimpico a PyeongChang. In finale, come detto, ha superato un altro compagno di squadra, quel Bagozza che fino a oggi era al massimo arrivato quindicesimo e qui si è superato, prima sfruttando l'errore di Promegger ai quarti e poi battendo un altro grande interprete di questo sport come Marguc in semifinale. 

Un altro aspetto straordinario di questa giornata, per l'Italia, è che in testa alla classifica generale del gigante c'è un altro atleta, il veterano del gruppo Roland Fischnaller, a quota 1810 contro i 1590 di Galmarini e i 1520 di Benjamin Karl, mentre nella graduatoria complessiva del parallelo l'altoatesino è terzo dietro gli stessi Karl e Galmarini. Fischnaller era arrivato alla fase a eliminazione diretta con il miglior tempo, ha avuto la sfortuna di trovare il russo Sobolev al primo turno e poi Galmarini: due grandi atleti, ai quarti ha pagato lo sforzo fatto in precedenza, ma ha chiuso comunque quinto. Sono usciti agli ottavi, invece, Aaron March (battuto da Marguc) e Mirko Felicetti (sconfitto anche lui da Galmarini), rispettivamente decimo e nono nell'ordine d'arrivo conclusivo, oltre al già citato Bormolini, 13°. L'unico a fermarsi prima era stato Gabriel Messner,  48° nelle qualificazioni. Il prossimo weekend, a Mosca, altra tappa di Coppa del mondo con slalom parallelo e gara a squadre.

Ordine d'arrivo PGS maschile Cdm Rogla (Slo)
1 CORATTI Edwin 1991 ITA 
2 BAGOZZA Daniele 1995 ITA 
3 MARGUC Rok 1986 SLO
4 GALMARINI Nevin 1986 SUI 
5 FISCHNALLER Roland 1980 ITA 
6 LOGINOV Dmitry RUS 
7 PROMMEGGER Andreas 1980 AUT 
8 DUFOUR Sylvain 1982 FRA 
9 FELICETTI Mirko 1992 ITA
10 MARCH Aaron 1986 ITA 

13 BORMOLINI Maurizio 1994 ITA 
48 MESSNER Gabriel 1997 ITA 
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront