Flash News

 
Il sesto titolo iridato della carriera permette a Simone Origone di tornare sul gradino più alto del podio in questa competizione a distanza di sei anni. Ma non è stata una passeggiata sulla mitica pista di Vars, come sottolinea lo stesso valdostano. "Nell'ultimo giro la neve era marcia ed è pure caduto un sasso abbastanza grande nella parte alta che mi ha creato molti problemi - afferma -, per fortuna alla fine è andata bene. Sono stato avanti in tutte le manches, con questo trionfo mi sono imposto in sei occasioni su otto in un Mondiale e mi sembra un ottimo bilancio. Fortunatamente il mio fisico mi sta sostenendo, saranno le ginocchia a dirmi quando smettere, per il momento tengo ancora questi ritmi. È una vittoria che ha un grande valore, era dal 2013 che mi mancava, negli anni successivi è sempre successo qualcosa che mi ha impedito di ripetermi. Oggi sono dispiaciuto per il risultato di mio fratello Ivan". Ora si guarda al futuro: "Il tentativo di record su questa pista previsto nelle prossime settimane al momento è annullato perché non ci sono le condizioni. La neve non è molta, già oggi siamo partiti da un punto più alto e le velocità sono nettamente più basse del record. Dovrebbe nevicare almeno un metro nei prossimi giorni ed è difficile che accada, mi dispiace perché la forma c'era. Non rimane che concentrarsi sul finale di stagione, rimangono una tappa sempre qui a Vars e due gare ad Andorra, dove cercheremo di mantenere il primo posto nella classifica di Coppa del mondo".

Valentina Greggio ha ceduto il titolo ma ha mantenuto il posto sul podio, che a un certo punto sembrava compromesso. "Per come si erano messe le cose in mattinata è una medaglia guadagnata, per le mie ambizioni di inizio stagione è una medaglia persa. In finale ho sciato bene ma sentivo lo sci inchiodato, in questa stagione fatico a trovare il giusto bilanciamento fra sci e sciolina, oltretutto le condizioni rispetto alle run di venerdì sono cambiate. Passare dal primo posto alla terza posizione un po' mi brucia, però oggi avevo sensazioni giuste e posso ancora risalire la china se trovo la combinazione giusta. La presenza in gara della Schmidhofer? È un bene che la vincitrice della Coppa del mondo di discesa femminile si sia cimentata in mezzo a noi, una come lei dispone di migliori sci e di migliori materiali e non è la stessa cosa. Però è arrivata quarta, ciò significa che per affrontare la nostra specialità ci vuole una preparazione specifica".
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront