News

 
Archiviato il minitour di Ruka che ha aperto la Coppa del mondo di sci nordico, il direttore tecnico Marco Selle fa il punto della situazione e spiegale strategie della squadra azzurra delle prossime settimane. "Sapevamo che le gare di Ruka erano la tappa più difficile, si correva a livello del mare e i finnici avevano una marcia in più rispetto alla concorreza perchè abituati a queste quote. Siamo partiti col botto nella qualifica delle sprint con Scardoni e Laurent fra le donne e con Pellegrino fra gli uomini, sapevo che sarebbe stato difficile confermarci nella fase a eliminazione diretta, però siamo passati da avere materiali eecezionali a materiali che a livello di tenuta non hanno reso".

"Nelle gare distance Pellegrino si è difeso bene, mi aspettavo qualche segnale in più dagli altri, sapevamo che De Fabiani aveva perso una settimana per un problema alla schiena, è probabile che la sua prestazione sia legata a quel fattore. Siamo consapevoli che dobbiamo crescere, gli appuntamenti sono tanti e quel che conta sono i risultati, dobbiamo gestire gli atleti che abbiamo per le piste sulle quali possiamo esser protagonisti, per cui abbiamo deciso di saltare a malincuore di non partecipare alle gare di Lillehammer del prossimo fine settimana (con skiathlon e staffette, ndr), tuttavia si tratta di scelte ed altre nazioni faranno le stesso in altre tappe, ci concentriamo verso Davos e Planica. Lì giocheremo ottime carte e poi toccherà al Tour de Ski". I criteri di partecipazione al torneo sono stati stabiliti. "Conteranno logicamente i buoni piazzamenti in Coppa del mondo, le gare di Alpen Cup che cominciano questo fine settimana e la necessità d far fare esperienza ad alcui giovani, sicuramente pescheremo qualche elemento dagli under 23".
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront