News

 
Le fatiche di domenica si sono fatte sentire e la neve che si sfaldava non ha certo aiutato Francesco De Fabiani. L'azzurro, reduce dal bronzo nella team sprint, ha chiuso in ventesima posizione la 15 km in tecnica classica ai Mondiali di Seefeld. Se il passo alternato è quello che predilige, non altrettanto si può dire del format a cronometro, come del resto ha dimostrato anche nel corso di questa stagione in Coppa del mondo, dove ha raccolto due podi nelle mass start di Oberstdorf e Val di Fiemme, ma è arrivato al massimo quindicesimo nelle gare con partenze a intervalli in tecnica classica. 

De Fabiani è partito con il suo passo, senza strafare, e ai 3,75 chilometri del terzo rilevamento, era ventottesimo lontano 29"7 da Alexander Bolshunov, il giovane russo in quel momento al comando. Poi pian piano il valdostano ha migliorato la propria posizione, confermando la sua solita intelligenza tattica anche in una giornata non particolarmente brillante. Così alla fine ha centrato almeno la top 20 con distacco inferiore ai due minuti, precisamente 1'57"7, dal nuovo campione del mondo Martin Johnsrud Sundby.

Il norvegese ha conquistato il suo primo oro iridato in una gara individuale a 34 anni con una spettacolare prova in crescendo. La sua rimonta è cominciata esattamente dopo metà gara, quando aveva ben 18" di ritardo da Alexander Bessmertnykh, ma intermedio dopo intermedio si è avvicinato al russo e alla fine lo ha preceduto di appena 2"9, con evidente disappunto del rivale, alla prima medaglia mondiale con esclusione delle staffette, che era arrivato al traguardo poco prima.

Il bronzo è andato al campione uscente Iivo Niskanen: il finlandese ha scavalcato nel corso della gara gli altri big partiti meglio di lui e arrivati senza energie al traguardo, come Didrik Toenseth (quinto) e Alexander Bolshunov (ottavo), tenendo a distanza di appena due secondi il russo Andrey Larkov, "medaglia di legno", e altri due fuoriclasse come Dario Cologna, sesto, e Sjur Roethe, settimo. Gli altri due italiani in gara, Maicol Rastelli e Stefan Zelger, si sono classificati rispettivamente 53° a 4'11" e 57° a 4'34"

La Norvegia continua il suo magico Mondiale di fondo che l'ha vista trionfare in tutte la gare maschili e perderne una sola con le donne, la team sprint conquistata dalla Svezia. Venerdì 1 marzo (ore 13.15) saranno ancora gli scandinavi i favoriti della staffetta maschile 4x10. 

Ordine d'arrivo 15 km TC maschile Mondiali Seefeld (Aut)
1 SUNDBY Martin Johnsrud 1984 NOR 38:22.6
2 BESSMERTNYKH Alexander 1986 RUS 38:25.5 +2.9
3 NISKANEN Iivo 1992 FIN 38:43.0 +20.4
4 LARKOV Andrey 1989 RUS 38:45.4 +22.8
5 TOENSETH Didrik 1991 NOR 38:46.9 +24.3
6 COLOGNA Dario 1986 SUI 38:55.0 +32.4
7 ROETHE Sjur 1988 NOR 38:56.5 +33.9 11.78
8 BOLSHUNOV Alexander 1996 RUS 39:21.1 +58.5
8 MUSGRAVE Andrew 1990 GBR 39:21.1 +58.5
10 IVERSEN Emil 1991 NOR 39:23.1 +1:00.5 

20. DE FABIANI Francesco 1993 ITA 40:20.3 +1:57.7
53. RASTELLI Maicol 1991 ITA 42:34.5 +4:11.9
57. ZELGER Stefan 1995 ITA 42:56.9 +4:34.3 
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront