News

 
La prima storica finale mondiale della gara a squadre femminile di salto con gli sci si chiude con l'ottavo posto dell'Italia. Un ottimo risultato per il quartetto azzurro capitanato da Elena Runggaldier, argento iridato a Oslo nel 2011, e composto anche dalle sue compagne più giovani Veronica Gianmoena, Giada Tomaselli (16 anni) e Lara Malsiner, bronzo individuale ai Mondiali juniores un mese fa.

L'Italia ha centrato l'obiettivo di accedere al secondo round entrando tra le prime otto grazie al punteggio complessivo di 358.4 punti e precedendo così Repubblica Ceca, Stati Uniti e Kazakhstan. Al ritorno sul trampolino normale di Seefeld, Elena Runggaldier si è migliorata rispetto alla serie precedente trovando un salto da oltre 100 punti che ha permesso alle azzurre di agguantare temporaneamente la Francia al settimo posto. Poi le transalpine le hanno distanziate di nuovo, ma le quattro ragazze italiane, che hanno chiuso con 690.5 punti, hanno dimostrato che il futuro è dalla loro parte. In particolare la 18enne Lara Malsiner, nel secondo round, ha toccato la distanza di 100 metri confermando i grandi progressi mostrati in Coppa del mondo nel corso della stagione, quando con due settimi posti ha centrato i migliori risultati della sua carriera.

La medaglia d'oro è andata alla Germania, che nel complesso aveva la squadra più forte, con quattro atlete di primissimo livello come Juliane Seyfarth, Ramona Straub, Carina Vogt e Katharina Althaus. Proprio quest'ultima, all'ultimo salto, ha permesso alle tedesce di arrivare a 898.9 punti e ha tenuto a distanza l'Austria, argento a quota 880.3 con Eva Pinkelnig, Jacqueline Seifriedsberger, Chiara Hoelzl e Daniela Iraschko Stolz, e la Norvegia di Maren Lundby (leader della classifica generale di Coppa del mondo) che si è dovuta accontentare del bronzo con 876.9 punti. Ma nella gara individuale di mercoledì 27 febbraio (ore 16.15, diretta tv Raisport ed Eurosport) sarà proprio Lundby l'avversaria da battere.

Ordine d'arrivo Team HS109 femminile Mondiali Seefeld (Aut)
1. GERMANIA (Seyfarth/Straub/Vogt/Althaus) 898.9
2. AUSTRIA (Pinkelnig/Seifriedsberger/Hoelzl/Iraschko-Stolz) 880.3
3. NORVEGIA (Sttroem/Braathen/Opseth/Lundby) 876.9
4. SLOVENIA 828.1
5. RUSSIA 820.3
6. GIAPPONE 806.1
7. FRANCIA 718.1
8. ITALIA (Runggaldier/Gianmoena/Tomaselli/Malsiner) 690.5
9. REPUBBLICA CECA 326.6 (non qualificata al secondo round)
10. USA 291.6 (non qualificata al secondo round)
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront