Flash News

 
L’entusiasmo della neonata nazionale femminile di combinata nordica riunita a Riva del Garda fino a venerdì 19 giugno sembra un ottimo presupposto per il cammino delle quattro atlete (Veronica Gianmoena, Daniela Dejori, Annika Sieff e Lena Prinoth, guidate dal tecnico azzurro Ivo Pertile) in vista del battesimo internazionale di questa specialità dello sci nordico, che si appresta a vivere la sua prima Coppa del Mondo prima di entrare definitivamente nel programma dei mondiali e poi dei Giochi Olimpici invernali (proprio a Milano-Cortina 2026, si prevede).

Le ragazze (due trentine e due altoatesine) stanno vivendo giornate piene e molto coinvolgenti nel Garda Trentino con un programma di allenamenti differenziati che prevedono attivita fisiche in altre discipline outdoor e poi in palestra. A Riva, presso l’EcoHotel Primavera della famiglia Zucchelli - la moderna struttura che ospita il collegiale - è stato programmato il benvenuto ufficiale delle autorità alla squadra nel corso del pomeriggio dedicato alla stampa.

Trattandosi di uno dei primissimi raduni azzurri successivi al periodo di lockdown, l’Assessore Provinciale allo Sport Roberto Failoni non ha voluto far mancare il suo saluto beneaugurante per la stagione delle neo-azzurre e per quella del turismo trentino, che notoriamente fa dello spirito sportivo e della vacanza attiva i suoi temi trainanti. “É il primo evento dopo mesi di sofferenza, una ventata di ottimismo per la ripresa di un territorio fondamentale come il Garda Trentino. Queste ragazze iniziano un percorso idealmente proiettato ai Giochi del 2026 e qui a Riva godono di un ambiente e di un'ospitalità perfette. Buona partenza alle azzurre, buona ripartenza a tutti noi”, ha concluso Failoni.

Mario Caproni, vicesindaco di Riva del Garda, ha portato il saluto della città: “La combinata ben si lega al nostro territorio - ha detto - che è un perfetto mix tra lago e montagna. Crediamo nella ripresa della stagione turistica: se è vero come tutti dicono che nulla sarà più come prima del Coronavirus, allora io dico che il Garda Trentino sarà ancora migliore”. Petra Mayr, Presidente ASAT Alto Garda e Ledro, ha aggiunto: “Ci accostiamo a questa estate particolare attraverso la presenza di una nazionale di sport invernali, è un modo nuovo e forte per ripartire”.

L’ottimo feeling degli sportivi agonisti con il Garda Trentino è cosa nota: negli ultimi due anni anche la nazionale di ciclismo su strada di Davide Cassani ha scelto questa zona per prepararsi alle sfide mondiali. Precedenti importanti riguardano anche il basket (il camp estivo del Bayern Monaco campione di Germania) e gli sport invernali: si ricordano gli stage estivi della nazionale norvegese di sci alpino con Aksel Svindal e Kjetil Jansrud nonché la squadra maschile di combinata nordica guidata da Alessandro Pittin.

La formazione azzurra di combinata nordica femminile, dal canto suo, si distingue per l’entusiasmo delle ragazze che ne fanno parte: “Lavorare e divertirci, questo il nostro motto”, spiega Veronica Gianmoena, la “chioccia” del gruppo.  “Le nostre ragazze sono giovani ed hanno ancora molta esperienza da fare - ha spiegato il tecnico Ivo Pertile - abbiamo cominciato a lavorare con loro nel 2014, via via sono diventate anche brave. Sarebbe bello tra qualche tempo festeggiare risultati importanti di questa giovane nazionale e poter ricordare che tutto è cominciato proprio da qui, nel Garda Trentino, un luogo che ho ritrovato più accogliente che mai”.
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Cookie policy - Privacy policy
Federazione Italiana Sport Invernali

via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront