News

 
Lukas Hofer non era mai arrivato così in alto in una individuale, eppure, guardando l'ordine d'arrivo, è dura non avere rimpianti. Il quinto posto è un gran risultato, ma la strepitosa condizione dell'altoatesino sugli sci (dove trova la quarta prestazione di giornata) poteva regalargli la seconda medaglia mondiale in carriera dopo la mass start di Khanty Mansiysk 2011, naturalmente staffette escluse: a farlo scivolare giù dal podio, dunque, sono stati i due errori al poligono, uno nella seconda serie (in piedi), uno nella terza (a terra).

Il rammarico è legato soprattutto al fatto di aver battuto quasi tutti i migliori atleti del circuito: l'oro è andato al tedesco Arnd Peiffer, che in carriera è stato campione mondiale ed è campione olimpico in carica della sprint, ma nell'individuale non è mai salito neppure sul podio: qui trova lo zero che gli consente di staccare di oltre un minuto tutti i suoi rivali. Alle sue spalle c'è il sorprendente Vladimir Iliev che regala alla Bulgaria la prima medaglia mondiale della storia: con un solo errore ha preceduto di quattro decimi Tarjei Boe, medaglia di bronzo.

Ai piedi del podio c'è lo svedese Samuelsson, poi subito dopo Hofer con un ritardo di 1'53"2. All'arrivo al secondo poligono, quando aveva ancora zero errori, aveva il terzo tempo, da qui il piccolo rimpianto per non aver sfruttato l'occasione: in ogni caso il quinto posto gli consente di balzare in undicesima posizione nella classifica generale di Coppa del mondo a quota 540 punti, a -9 dal decimo. Johannes Boe fallisce il tentativo di en plein e finisce fuori dal podio, chiudendo nono con tre errori: oltre che con la medaglia del fratello, si consola con la coppa di specialità.

Dominik Windisch, con il 12° tempo sugli sci che conferma la ritrovata condizione rispetto a inizio anno, chiude 29° a 4'31", con quattro errori e l'unico zero trovato all'ultimo poligono: per lui la consolazione di aver nettamente battuto l'ex numero uno al mondo Martin Fourcade a parità di errori e quella di poter partecipare alla mass starti di domenica. Chiudono fuori dalla zona punti gli altri due italiani, Thomas Bormolini (43° a 6'28"9 con tre bersagli mancati) e Thierry Chenal, 72° a 9'52"8. Prossimo appuntamento a Oestersund è fissato per le ore 17.10 di giovedì 14 (diretta Eurosport 2), con la staffetta single mixed: l'ultima in Coppa del mondo l'hanno vinta Dorothea Wierer e Lukas Hofer, che andranno di nuovo a caccia di medaglie.

Classifica finale di specialità Individuale maschile
1 BOE Johannes Thingnes NOR 128 punti
2 CHRISTIANSEN Vetle Sjaastad NOR 118
3 BIRKELAND Lars Helge NOR 97

10 HOFER Lukas ITA 74
19 WINDISCH Dominik ITA 52
50 BORMOLINI Thomas ITA19

Ordine d'arrivo individuale maschile Mondiali/Cdm Oestersund
1 PEIFFER Arnd GER 0 52:42.4
2 ILIEV Vladimir BUL 1 +1:08.7
3 BOE Tarjei NOR 1 +1:09.1
4 SAMUELSSON Sebastian SWE 1 +1:35.7
5 HOFER Lukas ITA 2 +1:53.2
6 DESTHIEUX Simon FRA 3 +1:54.0
7 GARANICHEV Evgeniy RUS 1 +1:56.5
8 CHRISTIANSEN Vetle Sjaastad NOR 0 +1:59.2
9 BOE Johannes Thingnes NOR 3 +2:00.8
10 DOLL Benedikt GER 3 +2:03.5

29 WINDISCH Dominik ITA 4 +4:31.0
43 BORMOLINI Thomas ITA 3 +6:28.9
72 CHENAL Thierry ITA 4 +9:52.8
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront