Torgnon, 2, 3 e 4 marzo 2018


Coppa Italia Master, ultima tappa di ammissione, 2 superg e 4 giganti, a Torgnon e con il Torgnon, si decidono i punti alla finale di Pampeago.  In questa settimana con l’Italia investita dal Burian, neve e freddo da “paura”, lo sci club Torgnon aveva, da calendario 6 gare di Coppa e, a complicare le cose, c’era il debutto della nuova pista di superg. Esame superato a pieni voti. Ottima la gestione dello sci club Torgnon, con il suo nuovo direttivo, composto dal Presidente: Davide Priod, Vice Tiziano Artaz, segreteria affidata all’attivissimo Denis Chatrian e altri soci impegnati nei vari ruoli. Inappuntabile, come sempre, l’operato dei Giudici, con il Delegato Tecnico: Franco Marguerettaz, Fausto Revil, Arbitro, Giorgio Gagliardi alla partenza, Paola Battistin all’arrivo e Marco Lucat, Direttore di gara, una squadra super non poteva che operare in modo super. Due giorni di neve ed uno di sole, però nonostante la neve dal cielo, il fondo da curare e gli atleti da schierare in partenza non si è avuto nessun intoppo, nessun concorrente si è trovato in difficoltà e tutto è filato per il meglio nei tre giorni di gare. Sollecite premiazioni al traguardo, poco dopo la fine della seconda gara, grazie soprattutto ai valentissimi cronometristi Valdostani, in questo caso capeggiati dal bravo Davide Demè. Apprezzata la nuova pista di superg e la classica Grange per i giganti, bravo anche il tracciatore: Didier Bionaz che ha saputo sfruttarne al meglio le condizioni e disegnare tracciati che hanno incontrato il favore di tutti gli atleti. Atleti, tra i miglior d’Italia, provenienti in maggior parte al nordovest ma altri dal Friuli, Lazio, Campania, Veneto, Emilia e tanti Toscani. Naturalmente una menzione speciale per il Comune e per gli impianti di Torgnon, è grazie alla loro collaborazione che si sono potuti avere questi risultati. Per i master che non conoscono la location, riassumo brevemente: comodo posteggio, alla partenza della seggiovia che porta in cima alla pista di gara; traguardo a tre quarti della discesa, comodi e confortevoli rifugi ai lati della pista, dove, per inciso, si mangia bene e piste alternative per il riscaldamento. Dolci premiazioni, per tutte le categorie e per tutte le gare, gli sponsor della manifestazione sono stati: Tecnosport di Aosta, Novi il cioccolato; Supermercati Chatrian, Vertosan Liquori; St. Orso dolciumi e Alpe Gorzà, café, self & restaurant. Iniziamo con i risultati agonistici assoluti, quelli delle singole categorie sono nelle sottostanti tabelle ove sono riportati i podi dei tre giorni. Venerdì 2 superg, importanti ai fini delle classifiche, assoluta e di specialità perché, con questi, si è arriva a quota 7, manca quello della finale con il quale si completerà il calendario previsto e la classifica di specialità. Ora tocca agli atleti, oltre i primi, ci sono le eccellenze; in campo femminile è stata la giornata di Ilaria Ferrando, sci club Orezzo Valseriana, autrice dell’assoluto in entrambe le gare. Silvia Giacosa ha perso uno sci nella prima gara e si è dovuta accontentare del secondo tempo nella seconda. Con l’altrettanto brava Roberta Persico, seconda in gara 1 e terza in gara due. Assoluti maschili, sempre primo: Alfredo Gualla, Master Team Pila, con sempre secondo e vicino, a 16 centesimi: Gianluca Ronchetti, in gara 1 e un poco più staccato in gara 2. Terzo assoluto in entrambe le gare Guido Lami, dello Club Ski Valt. Arriviamo alle eccellenze di Gruppo iniziando dal C, sempre primo Enrico Voyat del Master Team Pila. Ottima e convincente prova del toscano Massimo Panzani che in gara 1, realizza il secondo miglior tempo precedendo atleti del calibro di Enrico Rossi e Giancarlo Veritti e Claudio Maltinti. Grande riscossa, in gara 2, dell’altro toscano Claudio Maltinti del Team Top Ski sorpassa gli avversari e si aggancia ad Enrico Voyat, dietro, questa volta, ci sono Giancarlo Veritti, Cimenti Sci di Udine, Enrico Rossi del San Domenico e Massimo Panzani, atleti veramente agguerriti tra i migliori d’Italia. In riferimento al Gruppo B, ho praticamente detto riferendomi agli assoluti, in quanto il migliore è sempre stato Alfredo Gualla con Gianluca Ronchetti alle spalle, sempre terzo Guido Lami e, si sono alternati tra il quarto ed il quinto: Corrado Canonico e Mauro Lapucci, per la cronaca Mauro è quarto per 2 centesimi in gara 2. Non molti ma combattivi nel Gruppo A, dove il portacolori dello sci club 18 di Cortina: Carlo D’Amelio, vince le due prove incamerando 200 punti Coppa, che alla fine potrebbero rivelarsi importanti.  Sempre secondo il compagno di club: Filippo Costa e, dal Piemonte per il Cuneo Ski Team al terzo: Alessandro Franco. Sabato 3, nevica anche nelle foto di oggi ma, i due giganti corsi sulla pista Grange, dislivello 259 mt, per 32 porte, hanno decretato il bis nel gradimento di Torgnon. La pista Grange è un classico delle gare master, ultimamente era stata accantonata e le nostre gare dirottate altrove. Il nuovo Torgnon ha puntato sul rilancio anche con queste gare di Coppa e, partecipazione più gradimento, ne dimostrano il successo. Come ieri assoluto rispetto dei tempi, nuovamente bello il tracciato disposto da Didier Bionaz con in più la piacevole sorpresa del fondo che, nella seconda gara, anziché essere danneggiato dalla nevicata in corso ha fatto emergere il fondo duro permettendo così il massimo della regolarità e del piacere. Come al solito cominciamo con l’assoluto della pista, tutto per: Jean Paul Voyat del Pila, netta la sua supremazia di atleta completo con tanta classe a disposizione. Dopo di lui altro valdostano “super”: Valerio Luglio dello sci club Crammont di Courmayeur. Due atleti del Gruppo B hanno realizzato il terzo tempo di pista, in gara 1 il toscano Renzo Del Tredici del Prato Play e, in gara 2, il valdostano Alfredo Gualla, del Master Team Pila. Di assoluto rilievo i tempi di Enrico Voyat, Gruppo C, ma forse Enrico non lo sa che quelli del C, di solito, non competono con il vertice del B. Altro atleta meritevole si è dimostrato: Andrea Ballabio, del SAI Napoli, per la prima volta sulla pista Grange, ha sfoderato classe e grinta, realizzando il secondo tempo di Gruppo in entrambe le gare. Rimango nel Gruppo C, per segnalare l’alto livello della competizione fra un bel numero di atleti meritevoli di citazione; oggi i migliori, dopo Enrico ed Andrea sono stati: Claudio Maltinti del Team Top Ski con Giancarlo Veritti, Massimo Panzani e Curzio Castelli, in lotta per la Coppa e sempre vicini fra loro. In campo femminile la più brava è senz’altro stata la toscana: Alessandra Pietroni del Marzocco, due primi posti “con sicurezza”. Secondo tempo, in gara 1, per la romagnola del Sestola Francesca Morselli e, in gara 2, per Bettina Chiti anche lei del Marzocco, siamo in Valle D’Aosta ma, dalla classifica, sembra di essere all’Abetone. Con la domenica arriva il sole e Torgnon si mostra in tutto il suo splendore, le piste fra gli abeti bianchi di neve ed il sole che le illumina dal primo mattino fino a sera, per niente Torgnon si chiama “pais du solei”. Anche per questa terza giornata dedichiamo il meritato spazio ai “super”. Il super di giornata è stato Fabrizio Gerosa dell’Erna ASD, sempre il miglior tempo in entrambe le gare. Altri due campioni si sono alternati al secondo e terzo posto di questa speciale classifica assoluta; sono: Alfredo Gualla, Master team Pila e Arturo Puricelli del Gallarate. Restando nei “super” meritevoli di citazione sono: Cristian Antonelli del Ski Racing Camp; poi, con lo stesso tempo in gara 1: Valerio Luglio e Jean Paul Voyat. Valle D’Aosta, Piemonte e Toscana, le regioni delle prime tre donne dell’assoluta. Vince: Clementina Jacquemod del Master Team Pila, valdostana di La Thuile, attacca forte e bene precedendo la piemontese del CUS Torino: Roberta Persico e la toscana del Marzocco: Alessandra Pietroni. Se i primi del gruppo A si identificano anche con gli assoluti, com’è giusto che sia, dato che sono anche i più giovani, nel B, dopo Gualla e Puricelli, è sempre terzo di gruppo Corrado Canonico, anche lui del Master Team Pila di Aosta. Gruppo C: Enrico Voyat, Master Team Pila, vince la prima e esce la seconda. Enrico Rossi, terzo tempo in gara 1 ne approfitta e vince gara 2. In entrambe le gare è sempre secondo di Gruppo: Giuseppe Biselli del San Domenico, compagno di Team di Enrico. Accesa competizione fra altri due campioni, il toscano Claudio Maltinti ed il campano Andrea Ballabio, se Claudio ha la meglio in gara 1 ed è quarto, Andrea in gara 2 sale sul terzo gradino dell’assoluta di Gruppo. Dovuto riconoscimento al valore di Alberto Corsi, di Macugnaga che corre per il Gozzano e Bruno Pachner, friulano del Sappada, che realizzano tempi da risultare vincitori anche nella categoria più giovane della loro. Premiazione al sole di Torgnon nei pressi del traguardo poco dopo il termine della seconda gara, poi tutti a casa ed appuntamento per le finali di Coppa Italia Master, il prossimo fine settimana a Pampeago, organizzazione Guastalla.

Torgnon 2018 tabella1

Torgnon 2018 tabella2
Torgnon 2018 foto1
I "migliori tempi del superg: 1° Alfredo Gualla, 2° Guido Lami e 3° Corrado Canonico

Torgnon 2018 foto2
Fabrizio Gerosa, assoluto in entrambe le gare della domenica, poi: Cristian Antonelli, Jean Paul Voyat e Valerio Luglio

Torgnon 2018 foto3

Clementina Jacquemod, prima; Alessandra Pietroni, seconda, a sx: Denis Chatrian e, a dx, il tracciatore: Didier Bionaz

Torgnon 2018 foto4
Podio Categoria C7, 1° Enrico Voyat, 2° Claudio Maltinti, 3° Giancarlo Veritti

Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront