Pampeago, 12 marzo 2017, sci club Guastalla

Con la conclusione, della tre giorni dedicata alle Finali di Coppa, si può cominciare a tirarne le somme, per ora un solo dato: 1.004, numero che corrisponde agli atleti iscritti alle 5 gare. Oggi gli iscritti al gigante di Coppa sono stati 247, premiati dalla splendida giornata e dal fondo duro che ha perfettamente retto tutti i passaggi. Un’accorta tracciatura, della prima gara, ha permesso l’uso di tutta la pista rendendo addirittura migliore la seconda. Doveroso ringraziamento da parte di tutti al direttore delle piste Mario Dondio e al figlio Andrea, oggi tracciatore. Invariata l’ottima giuria e, un altro grazie, a Sergio Zeni e all’apparato di cronometraggio di Pampeago, esemplare nella sua funzionalità. Cominciamo con le donne del Gruppo D, 38 in gara oggi, gruppo unificato con un’età compresa fra i 17 e gli 83 anni. Era arrivato il suo bimbo e Chiara Pedroni, serena e sorridente, ha realizzato un assoluto invidiabile. Dopo di lei la “giovane” Benedetta Corradini, brava lo aspettiamo fra 13 anni nei master. Terza, ma seconda master, la campionessa Italiana: Clementina Jacquemod, valdostana di La Thuile. Con un perfetto triangolo geografico dopo: l’Emilia, la Valle d’Aosta, arrivano le venete: Debora Marchesoni, GSA Povo e Marina Capretta, Nottoli.  Ritorno al centro per nominare le cinque master assolute con la toscana Martina Checcarelli, che ci sta prendendo le misure alle avversarie, arriverà!!!. Gruppo A, i più giovani, con 20 iscritti, tutti di alto livello, anche qui il triangolo, Alto Adige, Emilia, Lombardia. Primo: Ewald Pixner dello Sport Club Merano, secondo Andrea Leurini del Maicol Ski Team e terzo, da Lecco Tiziano Valsecchi del Valsassina Team. Arriviamo al Gruppo B con l’inarrivabile Guenther Plunger, miglior assoluto della pista, passa il tempo, scorre le categorie ma Guenther è sempre il migliore. Secondo tempo ed anche secondo assoluto per Antonio Lacedelli della Polisportiva Caprioli, Belluno. Stessa provincia ma altro club per Claudio Da Ross, del Croce D’Aune. Quarto tempo per l’altro altoatesino dello sport Club Merano Alois Gufler e per rimanere “in zona” un trentino Dario Morandini dell’US Dolomitica. Gli iscritti di questo gruppo sono stati 78 veramente “i MIGLIORI”. Se vi sono sembrati tanti quelli del Gruppo B cosa dire dei “99” iscritti del Gruppo C !!!      Si ripete, dopo il superg, il “CARNICO di TRIESTE”, così lo definiscono gli amici del Cimenti Sci, club di Udine, Gianni Ursich, bravo e irraggiungibile. Secondo tempo per l’alto Adige, con Karl Pichler, dell’ASC Eggen. Atleta di casa, anche lui sempre fra i primi, Sergio Depaoli del CUS Trento, al terzo posto. Ritorna alle gare dopo qualche peripezia fisica, ma è un ritorno alla grande, per Ivan Vitali, del Radici Group di Bergamo. Quest’anno gli è sfuggita la Coppa, ma i propositi sono chiari e gli avversari sono avvisati. Un altro trentino chiude la rosa dei migliori cinque di gruppo, è Edoardo Rizzi del Team Fassa, anche lui, ha leggermente limitato l’impegno agonistico, ma non le capacità. Dopo il primo gigante è partito il secondo ed è stato aperto il “villaggio” con le cucine a pieno regime, dove tra Gnocco Fritto, pasta al sugo, salumi e formaggi, ampia scelta di vini e dessert ci si è potuti rapportare com’è buona regola fra i master. E’ poi iniziata la premiazione dei concorrenti di tutte le categorie riportate nella sottostante tabella. Anche la premiazione finale della Coppa Italia 2016-2017 è avvenuta in questo contesto ma sarà riportata in un altro pezzo.

2017 03 12 Coppa Italia Guastalla Pampeago gigante tabella

2017 03 12 Coppa Italia Guastalla Pampeago gigante foto
Qusto sito utilizza cookies per migliorare la navigazione.
Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies.
Per maggiori dettagli clicca qui
Federazione Italiana Sport Invernali
via Piranesi 46, 20137 Milano - P.IVA e C.F. 05027640159 - Iscrizione al Tribunale di Milano n° 63, 11.12.2004
powered by   infront